Saturday, November 25, 2006

Cultura televisiva

Multata Mediaset per incidenti di percorso tra cui gli spot matrioska.

Ma sai cosa importa a loro di una multa di 650 kiloeuro quando hanno avuto un fatturato di 2748000 kiloeuro... è come se a me dessero una multa di 5 euro per avere dato gioia a qualche accanito sniffatore spacciando cocaina ma - nota bene - senza alcuna altra punizione! La cifra - che a noi sembra immane! quanti appartamenti si possono comprare con 650 kiloeuro? - per loro è ridicola!

E, in ogni caso, perché punire gli "spot matrioska", le pubblicità occulte, il turpiloquio (?!?) nei cartoon o il fatto che il volume aumenti di svariati decibel durante la pubblicità? Bisogna punire chi accetta tutto ciò guardando le trasmissioni attuali...

L'altro giorno stavo a pranzo nel solito bar (che noi, in gergo, chiamiamo "La Minnona" ma non vi starò a spiegare perché) e mi stavo subendo quello che su Italia 1 definiscono un "telegiornale". Sarò antiquato ma quello tutto è tranne che un telegiornale... direi che sta ad un telegiornale come "Lando" o "Il tromba" stanno al "Corriere della Sera". Volume troppo elevato per ascoltare i battiti del proprio polso. Notizie a caso di morti in Iraq e di finanziaria. Sei persone attorno a noi che pensano ai cazzacci propri o sfilano le lettere (non posso credere che ne comprendano le parole...) e le immagini della "Gazzetta dello Sport" sorridendo ebeti. Quand'ecco! Una notizia su un perfetto sconosciuto del Grande Fratello (o della Fattoria, o dell'Isola dei famosi... mi spiace... non ho recepito l'informazione completa perché il mio cervello non me lo permette): sei facce attonite, immobili, pulsanti. Fermi. Tutti nella stessa direzione. Fiato sospeso: non un alito. Il tempo che si ferma.

No. Non credo che sia giusto che costoro abbiano diritto di voto.

0 Comments:

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home