Wednesday, June 27, 2007

Assolta

Palermo, assolta l'insegnante
che punì l'alunno bullo



PALERMO - Assolta l'insegnante che aveva costretto un alunno a scrivere sul quaderno "sono un deficiente", dopo un episodio di bullismo. La donna era stata denunciata dal padre del ragazzo.

Secondo il pm, che aveva chiesto una condanna di due anni, la risposta della docente di Lettere, trent'anni di insegnamento alle spalle, era stata sproporzionata rispetto al comportamento del suo alunno dodicenne. Un ragazzino vivace che, all'inizio dell'anno scolastico, aveva impedito a un coetaneo di entrare in bagno coprendolo di insulti omofobici.

La docente è stata assolta "perché il fatto non sussiste". La donna si era sempre dichiarata tranquilla, sostenendo di aver fatto "il proprio dovere". All'udienza e alla lettura delle motivazioni hanno assistito i rappresentanti di alcune associazioni gay, che le hanno portato solidarietà. Lei ha solo detto all'avvocato: "Mi viene da piangere".

(27 giugno 2007)



Fossi stato il giudice, avrei imposto anche ai genitori del ragazzo di scrivere cento volte "Siamo degli stronzi omofobi e dobbiamo imparare ad istruire meglio quella testa di cazzo di nostro figlio."

E per il PM che ha chiesto due anni avrei imposto di insegnare una qualunque materia in una qualunque classe di quella scuola. Per due anni.

Per l'insegnante:
RESPECT.

Labels: , , , , ,

2 Comments:

Anonymous ILLAICISTA said...

Condivido totalmente.

1:20 AM  
Blogger Valentina said...

me, too

2:39 PM  

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home